Une fable au hasard

Les 12 livres

Les Fables

Tris de fables

Le bestiaire

Les personnages

Morales et maximes

Les sources

 Italien
 Allemand
 Anglais

Contact JMB
Envoyez une carte postale avec cette illustration
Signaler cette fable Ó un ami
Imprimer

Les lectures de JMB
Allez voir mes lectures.

Le Blog de JMB
Mes textes personnels






L'Uomo e l'Idolo di legno Livre IV - Fable 8


Possedeva un pagano un Dio di legno,
un Dio di scorza dura,
che avea le orecchie solo per figura,
nel quale ei confidava, ed a tal segno
che gli costava un occhio della testa
a mantenerlo in festa.
Nessun Idol bocconi
mangi˛ pi¨ grassi e buoni,
che l'uom tra i fiori a renderlo propizio
offriva in sacrifizio.

Il Dio con tutto ci˛ non gli procura
fortune, ereditÓ, soldi o regali,
se non di tanto in tanto temporali
sui campi lavorati,
che la borsa al tapino
ancor rende pi¨ stretta.
Pur tanta Ŕ del buon uomo la speranza,
che al Dio non manc˛ mai nella disdetta
la solita pietanza.

Stanco alfin d'aspettare il poverino,
un dý, preso un baston, spezza il suo Dio,
e oh! vista! n'esce un fiume di doppione,
di quelle d'oro che dimando anch'io.

- L'amor mio non valea dunque un quattrino! -
esclama l'uom devoto a quella vista.
- Va', rassomigli a quella gente trista,
che del cuor non intende la ragione,
ma vuol esser pigliata col bastone -.
Google
 

ancre





W. Aractingy 81 x 100 cm, FÚvrier 1994

Voyez aussi cette fable illustrée par: