Une fable au hasard

Les 12 livres

Les Fables

Tris de fables

Le bestiaire

Les personnages

Morales et maximes

Les sources

 Italien
 Allemand
 Allemand
 Anglais

Contact JMB
Envoyez une carte postale avec cette illustration
Signaler cette fable un ami
Imprimer

Les lectures de JMB
Allez voir mes lectures.

Le Blog de JMB
Mes textes personnels






Il Marito, la Moglie e il Ladro Livre IX - Fable 15


Un marito era pazzo innamorato,
innamorato, intendo, di sua moglie,
ma si credeva un uomo disperato
e sfortunato in tutte le sue voglie,
ch sempre ad ogni dolce tenerezza
la moglie rispondea colla freddezza.

Mai d'uno sguardo e mai d'una parola,
mai d'un sorriso rispondea la bella
e mai con ci che gli uomini consola.
Onde il marito si credea da quella
mal tollerato e a stento compatito,
ed io lo compatisco... era marito!

Non la prendeva ei gi col matrimonio,
anzi ne ringraziava ognor gli di,
ma coll'amor l'avea, tristo demonio
che turba anche la pace agli Imenei,
amor che non invecchia, anzi peggiore
nel matrimonio che non sia di fuore.

La donna era s fatta e di tal gelo,
che non avea mai stretto in caldo amplesso
colui che a fianco aveale posto il cielo.
E di ci ei ne piangea fra se stesso
una notte, quand'ecco fu interrotto
da un ladro che tentava aprir di sotto.

Per paura del ladro (e Dio vel dica
se fu grande spavento) entro le braccia
la fredda sposa ahim! troppo pudica,
del marito, tremando, ecco si caccia:
lieto costui lasci che il suo buon ladro
la sua casa mettesse anche a soqquadro.

- O ladro, e che tu sia sempre lodato! -
dicea piangendo, - ch se tu non eri,
davver io non avrei giammai provato
questo grande piacere dei piaceri -.
Il ladro (gente spiccia e di man schietta)
fece la casa del pi bello netta.

Traggo da questa istoria la morale
che la paura d'ogni sentimento
il pi potente ed ha una forza tale
che sull'amor la vince e sul talento,
ma vinta dall'amor mi si assicura
fu qualche volta anch'essa la paura.

Si narra che in Ispagna fu un patrizio,
che per poter la sua donna abbracciare,
di fuoco al suo palazzo e a precipizio
dalle fiamme colei corse a salvare.
Fu tratto di gran cor, se non fola,
e degno inver d'un'anima spagnola.
Google
 

ancre





W. Aractingy

Voyez aussi cette fable illustrée par: