Accueil des fables

Chercher une fable

Les 12 livres

Les Fables

Tris de fables

Le bestiaire

Les personnages

Morales et maximes

Les sources

Contact JMB
Envoyez une carte postale avec cette illustration
Signaler cette fable à un ami
Imprimer


L'Aquila e la Gazza Livre XII - Fable 11


Dall'aria la regina, io dico l'Aquila,
in compagnia di monna Berta un giorno
(sì diverse fra lor di vesti e d'anima)
volavan d'un bel prato verde intorno.

Giunte in un luogo alquanto solitario,
la Gazza ebbe timor; ma la Signora,
che si sentiva per quel giorno sazia,
con parole amorose la rincora.

Poi dice: - Se il buon Dio dentro le nuvole
s'annoia a contemplar le stelle e il sole,
anch'io posso annoiarmi che son l'Aquila
sua serva... Orsù, scambiam quattro parole.

Discorriamo, rompiam questa tetraggine,
sorella mia, con qualche fatterello -.
E volentier ciarlò Gazza pettegola,
qua e là mettendo il becco, in questo, in quello.

Quel tal ciarlon di cui racconta Orazio,
che il bene e il mal dicea d'ogni persona,
non sapeva che cosa fosse chiacchiera
di fronte a questa Gazza cicalona.

Ella ch'è buona spia, tosto s'incarica
di riferir le grandi novità,
ascoltando, girando, e quindi all'Aquila
ridirà tutto ciò ch'ella saprà.

Ma l'Aquila, che già freme di collera,
- Addio, - grida, - ciarlona, resta qui:
non voglio alla mia corte una pettegola -;
e con piacer dell'altra sen partì.

Seder presso gli dèi non è sì facile,
come si crede, e costa immenso affanno.
Ciarloni, spie, persone a fondo doppio
a stento il posto lor vi troveranno.

ancre





W. Aractingy

Voyez aussi cette fable illustrée par:





Découvrez le premier roman de JM Bassetti, en version numérique ou en version papier sur le site https://www.jemappellemo.fr



Retrouvez tous les textes de JM Bassetti sur son sité dédié : https://www.amor-fati.fr